La Montagna Pistoiese
    home meteo situazione neve manifestazioni
Piteglio

LE SCHEDE:

Popiglio

Torrente Lima

Torri di Popiglio

Migliorini

Piteglio

Prataccio

Prunetta

Macchia Antonini

Casa di Monte

Calamecca

Crespole

Lanciole

Il Pontre di Castruccio


galleria fotografica
ecomuseo

Gli altri comuni:

Abetone
Cutigliano
San Marcello
 

Lo stemma del Comune Veduta di Piteglio
Circondato da folti boschi, Piteglio è un rinomato luogo di villeggiatura che nel periodo estivo è animato da manifestazioni culturali e folkloristiche di forte richiamo. Il comune di Piteglio, estendendosi nelle alte valli dei torrenti Lima e Limestre, presenta intatte tutte le caratteristiche delle zone boscose del medio Appennino toscano. Foreste di castagni frammiste ad estese faggete coprono le pendici dei monti, le cui valli sono attraversate da limpidi ed impetuosi torrenti adatti agli sport sull’acqua. A chi proviene da Pistoia percorrendo la strada statale 66 conviene, una volta superate le località Le piastre, San Marcello e La Lima, procedere superando il ponte sul Torrente Lima e raggiungere Popiglio, tappa significativa del percorso dell’Ecomuseo della Montagna Pistoiese. L’Antico castello di Popiglio dominava la strada medioevale che da Pistoia, attraverso queste montagne, conduceva in Garfagnana. Di tale importante percorso è possibile ancora oggi, scendendo lungo la via del Poggio, percorrere un breve tratto ancora lastricato che, valicato il torrente Lima con l’antica campata del medioevale ponte di Castruccio, prosegue fino a Prunetta. Da Popiglio un ulteriore percorso conduce in circa un’ora di cammino, alle Torri di Popiglio, uniche vestigia di un’antica rocca medioevale. Tornati indietro e oltrepassata la località La Lima si prosegue fino al bivio con la strada statale 633 per Piteglio. Per questa strada si giunge, poco avanti, nel piccolo ma suggestivo borgo di Migliorini. Poco oltre una breve deviazione sulla destra reca a Piteglio, antico fortizio oggi sede amministrativa del Comune. Di seguito Prataccio anticipa Prunetta, rinomata località climatica, già nota nel medioevo per l’Ospizio della Croce Brandegliana, appartenuto all’Ordine dei Cavalieri del Tempio, e in rovina già dal XV secolo. Una strada comoda e ombreggiata conduce a Margine di Momigno e poi alla Macchia Antonini, area demaniale di grande interesse per le vaste radure alternate a boschi di faggio e di abete. Dalla Macchia Antonini la strada procede in discesa, offrendo ampie vedute panoramiche sulla dorsale appenninica, in uno dei tratti più belli e incontaminati della viabilità montana pistoiese. Alla moderna ma suggestiva borgata di Casa di Monte fanno da contraltare i tre piccoli borghi di Calamecca, Crespole e Lanciole.
 
 
Natura Sport Relax
Abetone Cutigliano